Siamo 5 buone forchette, riteniamo che mangiare sia uno dei piaceri irrinunciabili della vita.
E poi siamo cintura nera di cucina, soprattutto quando si tratta di mangiare, il vitello tonnato, la battuta di fassone, gli agnolotti del plin, il castelmagno e il bonet sono il nostro pane quotidiano.
Quindi potete fidarvi di noi e dei nostri consigli sui 5 posti in cui mangiare piemontese a Torino.

Bocciofila Crimea
Avete presente le bocciofile? Quei luoghi dove i “veci” trascorrono le loro giornate da pensionati, a cercare di raggiungere il boccino coi loro lanci svogliati delle bocce. Ecco, dimenticate questa scena e immaginatevi un luogo incantato, con lucine, rami e gabbiette appese alle pareti. Aggiungete un menu tutto piemontese, in cui non mancano mai i tipici agnolotti in sugo d’arrosto, la tagliata, oltra 10 antipasti della casa e un’altrettanto importante lista di dolci. Col bel tempo potrete godere anche di un dehor a sfondo torinese, con vista che si affaccia sul fiume Po.

Corso Moncalieri 74, Torino

L’angolo di Parin
Dalla fine dell’800, un locale in stile liberty dove gustare la vera cucina piemontese.
Un piccolo laboratorio fa da pastificio in cui ogni giorno si produce pasta frasca di ogni genere: tajarin, pappardelle, gnocchi, agnolotti, plin…
Prendete le vecchie ricette di famiglia, tramandate da generazioni, senza fronzoli ma genuine e tradizionali, e immaginate di poterle gustare in un ambiente raffinato anche un po’ francese, che ricorda la Provenza. Un posto decisamente per tutti, non solo per i “parin”. (vecchi, in piemontese)

Via B. Galliari 29, Torino

 
Boja Fauss

Boja Fauss, un nome che è tutto un programma.
Piemontese, da cima a fondo: dai proprietari coi legami con un ex ministro del Regno di Sardegna, agli ingredienti con cui sono preparati i piatti offerti dalla cucina, come la battuta di fassone al coltello, i tajarin al ragù di cervo e l’immancabile castelmagno a condire gli gnocchi di patate preparati a mano. E per annaffiare la cena con un alto tasso di felicità, fino a 40 vini tra cui scegliere. Boja Fauss!!<
Via Saluzzo 48/D, Torino

 

Trattoria da Carmen
Un posto “granata”, nella facciata, negli arredi e nell’animo.
Cucina a conduzione famigliare, in cui gustare una saporita cucina torinese: l’immancabile vitello tonnato, la carne cruda,e gli agnolotti ai funghi porcini sono tra le specialità della casa. Vi spoileriamo il finale della cena: il caffè è servito con la moka. Tradizionali fino alla fine! E forza granata!

Via C.F. Ormea 15, Torino

Piola da Cianci
Nel cuore del Quadrilatero Romano, in Piazza IV Marzo, sorge una tipica piola (che in piemontese significa osteria, bar) la cui forza sono i piatti semplici della tradizione piemontese e prezzi competitivi. Per avere un posto a tavola, assicuratevi di arrivare in loco con largo anticipo o passare in giornata qualche ora prima; mentre preparano le leccornie per la cena, da Cianci non hanno il tempo per rispondere alle prenotazioni telefoniche!

Largo IV Marzo 9/b,Torino

Bon aptit! E fateci sapere qual è il vostro posto del cuore, piemunteis, ovviamente!

About Gemma Contini

Sarda di nascita ma torinese di adozione. Informatica amante del low cost. Portatrice sana di pazienza solo quando girovaga per negozi e mercatini. E’ fermamente convinta che il buongusto e il buonsenso possano salvare il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *