“Ragazze andiamo a mangiare l’hamburger vegano da Flower Burger?”

“Vegano? Ma io ho fameeeeeeee!”

E fu così che tornammo a casa con la pancia piena, felici di aver assaggiato il vegano più colorato e gustoso di tutta Torino!

Dimenticatevi colori tristi e dieta. Parola di 4 mangione di prima categoria: il Flower Burger è un ambiente e una cucina che vi cambieranno il modo di pensare al concetto di vegano. Dopo Milano, Monza e Roma approda anche a Torino la prima veganburgheria gourmet d’Italia. Nel centro storico della città, tra piazza Solferino e via Garibaldi, da pochissimo ha aperto una nuova meta per gli appassionati di burger, per i vegani o semplicemente per chi vuole provare nuovi sapori. In questo modo si possono mettere d’accordo gli amanti delle salse e i salutisti, creando un perfetto punto di incontro tra hamburger e cucina vegana.

Ed è quello che è successo a noi: il menù è ricco di scelte, dal pane agli ingredienti al suo interno, al contorno. Unica regola: colore, colore e colore. E questo a noi fashion bloggers è piaciuto sin da subito! Quando mai si ha la possibilità di mangiare un hamburger con pane nero al carbone vegetale abbinato a una salsa pink estratta. Infatti la nostra Gemma non si è trattenuta e ha subito fotografato i piatti quando ci sono arrivati.

I burger proposti nel menu di Flower Burger sono colorati, composti da ingredienti di altissima qualità, belli da vedere e soprattutto buoni da mangiare Tofungo, Flower Burger e Cheesy Cecio sono solo alcune delle proposte, accompagnate da patate al forno profumate alla paprika. I panini “homemade”, (come le salse e i burger) si possono scegliere alla curcuma, nero al carbone vegetale oppure ai 7 cereali.

Buoni, appetitosi, croccanti, belli da vedere e da fotografare, ottimi per stare in compagnia. Non ci credete? Guardate le nostre facce dopo averli mangiati! 🙂

Per non perdervi nessuna news sulle novità di Flower Burger diventate fan della loro pagina Facebook e Instagram e… preparate la vostra pancia!

 

About Emily Grosso

Emily lavora in una società finanziaria, ma passa le pause pranzo in giro per negozi. ll suo armadio segreto scoppia di borse, collane, creatività, voglia di scrivere e di urlare felicità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *