Un articolo ormai in disuso, ma che merita una particolare attenzione, è il guanto.

Più che una protezione dal freddo e agenti esterni, nasce come simbolo di potere, di seduzione, di devozione, di prestigio, spesso veniva indossato in occasione di cerimonie sacre.

moda guanto torino

Nel 400 assistiamo all’affermazione del guanto, con pregiati esemplari in ermellino e capretto. Questo accessorio aumenta di fasto fino  al 600, secolo in cui tocca l’apice della bellezza, specie per l’aristocrazia che amava mostrare le applicazioni di perle, di oro, di pregiati tessuti.

Arrivando al 1900, fino agli anni ’20 lo troviamo ai polsi maschili e femminili, con una differenziazione riguardo ai materiali utilizzati per l’occasione d’uso del giorno e della sera.

Dopo la penuria della pelle del periodo della guerra, gli anni ’50 vedono apparire modelli fantasiosi: guanti-cappello, guanti-coprispalle, guanti-sciarpa.

Negli anni ’60, al pari delle gonne che diventano mini, anche il guanto si accorcia e diventa obsoleto, seguendo la moda di una nuova società giovane, dinamica, in evoluzione. Considerato un oggetto borghese, viene presto abbandonato.

Anche se designer come Karl Lagerfeld ripropongono questo capo nelle ultime collezioni, non si è assistito a un ritorno nell’uso comune. Personalmente credo che sia un must have, uno di quei capi che non si possono lasciare nei negozi, ma devono entrare nel nostro guardaroba.

Il guanto è un segno di distinzione, da un tocco di stile e di eleganza.

Dove trovare un prodotto di qualità a Torino?

La Moda del Guanto è un negozio storico che dal 1905 offre un’alta qualità dei prodotti e dei servizi offerti. Oltre all’acquisto di prodotti pregiati di diverso tipo e materiale, è possibile far confezionare su commissione modelli a piacimento.

moda guanto

guanti torino handmade

moda guanto

Moda del Guanto – Via Santa Teresa 19, Torino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *