Tag: Torino

Torino Fashion Week is back!

Assistere ad una sfilata è sempre una grande emozione, lo stesso vale se siamo a Torino, a Milano, a Parigi o New york, per noi ragazze amanti della moda le sfilate sono un sogno. Se vi parlo di Torino Fashion Week non vi viene in mente qualcosa? Vi ricordate? L’anno scorso siamo state invitate all’inaugurazione della prima edizione della Torino Fashion Week. Potete rinfrescarvi la memoria leggendo il nostro post qui!

(altro…)

I 5 negozi super vintage di Torino

In un periodo storico in cui le catene fast fashion vanno per la maggiore, in cui i marchi sembrano tutti uguali,  in cui tutti ci vestiamo uguali  e seguiamo fin troppo le tendenze, c’è voglia di differenziarsi e di uscire dal guscio cercando un proprio stile personale. E anche se il vintage non è per tutti, perché visto spesso come sinonimo di di usato e di “vecchio” in realtà l’abbigliamento vintage, che si differenzia dalla moda usata è tornato alla ribalta come vero e proprio fenomeno di massa. Anche Torino è cambiata negli ultimi anni, ormai Via Roma, la ex via del lusso sia diventata patrimonio di Inditex e H&M , si è riempita di piccoli negoziati vintage, che hanno scelto non solo di vendere abbigliamento usato di marca ma anche di vendere un vero e proprio stile.

Noi di Torino Fashion Bloggers vi portiamo alla scoperta dei negozi vintage più particolari della città.

negozi vintage a TORINO

ANNARITA MATTEI VINTAGE STORE- Via San Domenico 6 D

Questo store prende il nome dalla sua proprietaria e creatrice Annarita Mattei che oltre ad essere un’esperta di vintage è anche una personal shopper.  Questo vintage store torinese nasce  poco più di un anno fa, con lo scopo di creare look che uniscano la modernitá dei capi contemporanei con degli accenti vintage. Ora si trova in una zona turistica e molto storica di storico ricca di fascino e mistero, il quadrilatero. I capi in vendita, sono tutti pezzi unici quasi sempre nuovi, lavati ed igienizzati e venduti a prezzi decisamente contenuti; vanno, salvo eccezioni, dagli anni ’50 agli anni ’80. Ogni 15 gg circa in store è possibile visionare nuovi arrivi, provando i capi accompagnati dal sorriso  da una piacevole chiacchierata della vostra personal shopper.



 

ELENA B. – Via Saluzzo 40

Elenab. apre nel 2011, dalla mente di Elena, una donna vivace e tutta pepe dai capelli ricci. Questo delizioso negozio nel cuore punsalte di San Salvario nasce quindi un bel po’ di tempo fa prima che la moda del vintage esplodesse in Italia e soprattutto a Torino. Elena infatti decise che a Torino così come in altre città europee non poteva mancare un negozio di abbigliamento vintage.
La passione per il vintage di Elena nasce quando, da bambine, a lei e alle sue cuginette, veniva accordato il permesso di giocare “alle signore”. Così prendevano in prestito gli abiti e gli accessori della nonna paterna, frugando per dei pomeriggi interi in un vecchio e polveroso armadio giocando a “vestirsi da signora”, con gonne, cappotti, pellicce, guanti, cappellini e borsette, un sogno!
Grazie all’ottima scuola del suo maestro Attilio Mazzini, grandissimo collezionista di vintage che possiede un archivio storico che vanta più di cinquecentomila capi, e alla sua passione per i viaggi e la sua cultura personale, Elena ha intrapreso questa strada del vintage specializzandosi nella ricerca del capo sartoriale, creato non solo da abili sarte in atelier che ha fatto storia, ma anche realizzato da esperte artigiane che si dedicavano un tempo con dedizione/amore al confezionamento di abiti di qualità nelle loro piccole botteghe.
Da Elena B. si trovano capi a partire dagli anni Trenta fino a sfiorare gli Ottanta del secolo scorso, molti pezzi sono veri e propri capi di ‘haute couture.
Un’altra grande passione di Elena è l’abbigliamento militare. La sua ricerca si dipana fra capi di eserciti americano, tedesco, svedese, francese, russo. Anche in questo caso si parte da lontano: da Elena B. si possono trovare capi dagli anni Quaranta fino ai giorni nostri.

ROOSTER – Via degli Artisti 13

Anna è la proprietaria di questo piccolo gioiellino in zona Vanachiglia a Torino, Rooster, negozio scoppiettante e alla moda di Torino è una chicca per tutti gli amanti della moda vintage anni 80 e 90 e 70, qua potete trovare chicche e pezzi  incredibili firmati, ma anche capi di catene low cost praticamente nuovi ma venduti a metà prezzo , potete acquistare anche accessori borse e riviste e una vasta selezione di scarpe davvero fighe così come tante sneakers firmate Nike Reebook e Sdidas.  Il negozio Rooster non è solo un negozio ma anche uno spazio scoppiettante dove spesso Anna organizza eventi e vendite promozionali, uno spazio dove poter sorseggiare una bibita e farsi consigliare da Anna che oltre ad essere un’esperta di tutto cioè che è vintage e cool è anche una stylist. Rooster nasce infatti 3 anni fa quando Anna era in cerca di un magazzino dove poter contenere i capi per il suo lavoro. Fu amore a prima vista. Questo spazio/ garage con volte e mattoni a vista non poteva essere usato solo come magazzino, quindi decide di avviare questa avventura com secondo lavoro, per coinvolgere chiunque avesse voglia di indossare le sue scoperte e creare un negozio che fosse una via di mezzo tra un neogizo vintage super caro e un mercatino dove alla maggior parte della gente viene mal di testa a cercare tra mille vestiti per trovare una cosa interessante. Anna dedica il suo tempo, pazienza e buon occhio a selezionare maniacalmente capi ed accessori unici girovagando tra mercatini, da Londra a Berlino, passando per New York e, ovviamente, Torino. Inoltre, se sei anche tu un freak dell’unicità e vuoi unirti al team, Rooster accetta capi in conto vendita.

CHARLY VINTAGE AND FLOWERS -Via Giuseppe Pomba 29

“Every old thing tells a journey. There is something truly romantic to be part of this”. Questa è la filosofia di chi ha fatto del vintage uno stile di vita, come Cha.rly Vintage & Flowers: nel negozio puoi trovare tutto il retrò che cerchi, dagli abiti sartoriali per sposarsi o fare da testimone o da damigella,fino  alle Varsity Jacket Made in USA,  ai complementi d’arredo più bizzarri! Ogni accessorio, vestito o complemento d’arredo firmato Cha.rly è il risultato di una ricerca continua di Arianna e Carlo i proprietari di questo negozio coloratissimo e pieno di fiori in pieno centro a Torino. La selezione di abiti è frutto della ricerca nei più importanti mercatini e fiere vintage: gli articoli provengono non solo da quelli italiani, ma anche londinesi e americani.Quello che ti propongono non sono semplici oggetti o abiti di seconda mano, ma pezzi unici che non passeranno mai di moda. Chi ama il retrò, la moda rockabilly o lo stile college americano troverà tutto ciò che cerca: occhiali, abiti, scarpe ma anche mobilie oggetti d’arredo così da poter vivere in quest’atmosfera anche a casa propria.Tutti gli articoli usati sono rimessi a nuovo per darti l’esclusiva del capo originale. Scegli i brand vintage intramontabili che, rinnovati e lucidati, ritornano in vita più cool di prima: Levi’s  501 Made in U.S.A. , t-shirt rock ‘n roll con stampe originali e non riproduzioni, Dr. Martens esclusivamente Made in UK , Vans e Converse.

Oltre ad un’ampissima scelta di abiti e accessori come dicevo prima c’è, anche una parte del negozio dedicata al wedding vintage, con abiti da sposa vintage, dagli anni 20 agli anni 90, inoltre c’è la possibilità, con servizio di Wedding planning, di organizzare un matrimonio in stile vintage. Carlo e Arianna ti aiuteranno in ogni fase dell’organizzazione del tuo grande giorno!
Ogni pezzo è unico e ricercato, rimesso a nuovo e pronto per essere modificato su misura qualora fosse necessario.

Nel momento in cui entrerai in questo negozio, ti sembrerà di essere a bordo di una macchina del tempo che ti farà ripercorrere tutte le epoche passate, dagli Anni ’20 ai ’90, aprendo bauli, cassetti di mobili d’epoca, tra gonne ampissime a ruota, camicie hawaiane e floreali e vestiti colorati a pois e fiori. Arianna e Carlo sono dei veri cool hunter ed esperti di moda retrò: il loro gusto impeccabile e la preparazione accademica internazionale nel campo del design fanno sì che niente sia lasciato al caso, offrendo non solo articoli fatti a mano ma anche un’esperienza sempre unica per chi passa a trovarli in negozio.Cha.rly Vintage & Flower non è solo un negozio retrò ma anche una sartoria che confeziona e modifica abiti, valorizzando l’unicità di ogni capo e riproponendo anche modelli classici degli ultimi 50 anni. Quello che ti propongono non sono semplici oggetti o abiti di seconda mano, ma pezzi unici che non passeranno mai di moda.




PANDORA VINTAGE SHOP – Via Giolitti 49 B
Pandora è uno dei primi negozi di vintage a Torino, la sua insegni infatti è datata dal 1999. Pandora è anche uno dei primi negozi in cui abbia mai sentito parlare di second hand, un luogo speciale dove poter trovare abiti e accessori firmati ad un prezzo stracciato. Conobbi questo negozi infatti, quando andavo al Liceo e iniziavo ad avere un mio gusto personale e a cercare occasioni nei mercatini e alle fiere. Ecco il vaso di Pandora, uno dei migliori negozi per acquistare vintage e usato di qualità e soprattutto firmato . Qua potete trovare borsette di Chanel,Fendi, Prada,abiti da sera di Valentino o Gucci.oltre che bi bellissimi abiti di pucci anni 70, completi dolce e gabbana e borse di micheal kore e celine Non solo Pandora vende pezzi firmati ma acquista anche i vostri capi ed accessori di grandi marche.

Chiara Girivetto

About Chiara Girivetto

Aspirante fashion designer e cool hunter, si definisce una persona creativa e curiosa. Alla costante ricerca di sè stessa e di una sua dimensione, ama perdersi tra immagini, fotografie e musica.

Io, che in Piazza San Carlo c’ero.

Caro Ignoto,

sono passate oramai 2 settimane da quel terribile sabato sera. Avevo altri programmi, decisamente. Fino alla fine credevo che ce l’avremmo fatta, che avremmo portato a casa quella maledetta coppa dei Campioni, che avremmo aspettato la nostra squadra all’aeroporto di Caselle, che avremmo visto l’alba e, chissà, sarei tornata a casa con un sorriso in più a casa.

Sono tornata oltre l’alba, sì, ma con il terrore negli occhi, due costole rotte e graffi. Alla mano, al ginocchio e nel cuore.

Tu, “Ignoto”, questa non me la dovevi proprio fare. Non so cosa tu sia stato: un petardo, una frase detta al momento sbagliato, una balaustra caduta senza un valido motivo. Irrazionalità, fobia, nonsense.

Sei stato un colpo improvviso, in mezzo alla calca della gente, ai cuori in attesa di un miracolo (sì, perché in quel momento stavamo perdendo amaramente), a chi – come me – parlava di quella serata come Natale. Talmente bella che non volevamo che arrivasse: qualcuno aveva anche fatto delle scommesse: uno spogliarello, un taglio di capelli, un fioretto sul bere. Tu, Ignoto, hai rovinato una serata che anche se fosse andata male ce la saremmo ricordata lo stesso. Perché noi Juventini siamo così: viviamo di attese, di palpiti, di speranze e di “il prossimo anno saremo di nuovo qui e porteremo a casa la vittoria”. Tu, Ignoto, hai voluto che le cose andassero diversamente. Anche se avessimo vinto la Champions, quella sera, ci saremmo ricordati solo di altro. Del sangue, dei cocci di vetro, delle corse al riparo da te, Ignoto.

Non sei solo paura, sei Sconosciuto, sei quella sensazione che solo se la vivi riesci a malapena a descriverla.

Quando mi sono ritrovata improvvisamente per terra, con addosso dei corpi di estranei e la sensazione che stessi perdendo parte del mio corpo, ho pensato davvero di morire. Una manciata di secondi che ti sembrano infiniti, talmente tanto da poter riuscire a formulare la frase “Ok, è arrivato il mio momento, purtroppo”. Posso ringraziare solamente quella persona che mi ha dato la mano e mi ha tirato su se quella sensazione è durata un po’ meno di altri. E poi le corse verso il non so dove, l’entrata in un supermercato per cercare qualcosa con cui poterci guarire, e poi ancora corsa. La chiamata ai genitori che avrebbero potuto vedere qualcosa alla tv e il “Mamma, io sto bene, ho perso papà, spero che non si sia fatto male”. E ancora corsa. Non auguro a nessuno di correre lontano da qualcosa che non conosci.

Sai, Ignoto, in quel momento non ti rendi conto di quante cose non hai ancora fatto o detto. Non ti rendi conto che la vita è davvero un soffio di vento, gelido o caldo che sia, e che debba essere vissuta senza mai pentirsi di nulla. Avrei voluto che me lo facessi capire in un altro modo, sono una sveglia e che capisce in fretta.

Sai, Ignoto, di una cosa, prima di tutto, non riesco a perdonarti. Non importa che mi hai rovinato una serata che poteva diventare magica (sono riuscita anche a ridere durante le lunghe ore di attesa al Pronto Soccorso), non importa che ho perso il mio zaino e tutti i miei averi (di quello non è colpa tua, ma dell’Ignoranza, un’altra bella bestia insieme alla Paura). Non ti perdono della morte di una donna, Erika, che non era neanche una tifosa. Era una come tutti noi: felice di accompagnare il proprio fidanzato a vedere la partita, nonostante avesse altri piani, contenta di fare qualcosa di diverso dal solito, di stare in compagnia e di dire “Io c’ero”. Di quello, Ignoto, dovrai scontare notti insonni, provando la stessa sensazione di quando io ho visto, solo per un attimo, il volto della morte.

Ignoto, però credo che tu, di me, non sappia una cosa.

Che io non mi arrendo. Ah, no.

Un giorno saremo io davanti a te, e vincerò Io. Vincerò quando tornerò in mezzo a una folla a urlare per il mio cantante preferito, per la mia amata Juventus, per una coda interminabile in attesa di un autografo. Non mi rintanerò in casa, ma uscirò. Non convincerò gli altri a starsene nel proprio angolo, li prenderò di peso e li porterò fuori con me. Non dirò più “ho paura”.

Non esiste che vinca tu. NO.

Caro Ignoto, l’anno prossimo vinceremo la Champions. Ed io sarò felice: perché avrò fatto tutto quello che mi sarò prefissata nella mia lista.

Questo post è dedicato a Erika e a tutti quelli che in quella notte erano in piazza, con il cuore in mano e il fiato corto. E che continueranno a sognare, nonostante tutto, per loro stessi e per Erika.

About Emily Grosso

Emily lavora in una società finanziaria, ma passa le pause pranzo in giro per negozi. ll suo armadio segreto scoppia di borse, collane, creatività, voglia di scrivere e di urlare felicità.

TFB agenda: gli eventi di giugno a Torino!

Siamo in ritardo, è vero, ma questo caldo e gli ultimi avvenimenti (non proprio belli) ci hanno un po’ rallentate. In ogni caso, non temete: giugno è ancora lungo e offre tantissimi eventi imperdibili incorniciati dalla nostra bellissima Torino. Ritorna la #TFBagenda con tutti gli appuntamenti del mese di giugno: tirate fuori un bel vestitino leggero e affrontate il caldo sabaudo!

agenda scrivere mani the

Partiamo subito con gli eventi di giugno da segnare subito in agenda, da stampare o da salvare sul nostro inseparabile smartphone.

(altro…)

About Elisa Raimondo

Architetta ossessionata dal perfezionismo e affetta da organizzazione compulsiva. La sua vita è un incastro di impegni e passioni: tra scout, India, canto e, ovviamente, moda, si ritrova sempre a correre per Torino. “5 minuti e arrivo!”

#TfbInterviste: il Social Commerce SoCloset

Lo sappiamo, siamo tutte nella stessa barca: un armadio straripante di vestiti e mai niente da mettere per “quell’occasione speciale”, bensì un’infinità di “questo lo metto quando dimagrisco”, qualche “questo tornerà di moda” e gli inevitabili “abiti col cartellino” che sono passati dalla busta del negozio all’armadio e continuano a fissarci da mesi. Noi TFB vi capiamo benissimo, e per questo oggi per la rubrica #TfbInterviste vi facciamo conoscere meglio SoCloset, il progetto di Giulia: una piattaforma per vendita e affitto dei vostri capi abbandonati con le commissioni più basse del web.

Ma non vi spoileriamo altro, buona lettura!

socloset schermata sito shop online

(altro…)

About Gemma Contini

Sarda di nascita ma torinese di adozione. Informatica amante del low cost. Portatrice sana di pazienza solo quando girovaga per negozi e mercatini. E’ fermamente convinta che il buongusto e il buonsenso possano salvare il mondo.

Salone del Libro di Torino: una 30esima edizione oltre ogni confine!

Si è chiusa da pochissimo la 30esima edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino, dopo giorni (o per meglio dire, mesi) di panico e frecciate amare con la vicina Milano. L’avrete letto ovunque, ma penso sia giusto ribadirlo (da sabauda patriottica quale sono): abbiamo spaccato tutto!

Salone Internazionale del Libro Torino 2017 30esima edizione Gipi Oltre il Confine

Questo Salone del Libro è stato un successo enorme, un successo che va davvero “Oltre il confine”, come recita il tema dell’ultima edizione 2017. Adesso però, voglio mettere da parte gli slogan da rotocalco e raccontarvi il mio Salone, quello vissuto in veste di staff di coordinamento di questa manifestazione smisurata. Io ero rinchiusa nel Padiglione 5, quello dedicato all’area del Bookstock Village, dedicato a bambini e ragazzi con tanti incontri, laboratori, eventi e, ovviamente, libri. Il mio compito era semplice, ma solo a parole: far funzionare tutto all’interno del padiglione e coordinare 270 ragazzini volontari delle superiori.

(altro…)

About Elisa Raimondo

Architetta ossessionata dal perfezionismo e affetta da organizzazione compulsiva. La sua vita è un incastro di impegni e passioni: tra scout, India, canto e, ovviamente, moda, si ritrova sempre a correre per Torino. “5 minuti e arrivo!”

Cosmetici che fanno bene a 360 gradi

Ci sono beauty tour in cui vengono presentati gli ultimi prodotti dei vari marchi con le relative proprietà durante un evento dedicato e una location a tema

Poi ci sono beauty tour che cominciano con una colazione e il racconto di una storia che inizia 37 anni fa dentro una pentola. Ebbene si; Grazia Reynaldi, pioniera della chimica dei prodotti cosmetici, contro il parere dei tempi secondo cui una farmacista non doveva discostarsi dal mondo farmaceutico se non per fare la mamma iniziò il suo percorso proprio allestendo un piccolo laboratorio nella sua cucina per arrivare oggi ad avere uno stabilimento di 7500mq.

Una visita che ci ha dato l’opportunità di capire davvero tutto il lavoro che c’è dietro un cosmetico e di aprire la mente a un mondo nuovo che siamo felici di condividere.

Mentre ci si stende il nostro prezioso alleato che sia contorno occhi /crema antiage/ bagnoschiuma profumato il gran lavoro che c’è dietro un cosmetico non si immagina nemmeno. (altro…)

About Eleonora Gavino

Chimica con la passione sfrenata per la profumeria e una predisposizione nefasta all’incontro di uomini da cestinare. Campionessa olimpica di polemica. Lei è bionda: qual è la vostra scusa?

Gli eventi imperdibili di maggio a Torino

Continuano gli appuntamenti della #TFBagenda! Questa volta vi raccontiamo tutti gli eventi da segnare in agenda per il mese di maggio a Torino. Siete pronti a scatenarvi tra moda, musica, arte e, ovviamente, libri con il Salone del Libro 2017?!

Eventi Torino Fashion Bloggers agenda planner maggio

  (altro…)

About Elisa Raimondo

Architetta ossessionata dal perfezionismo e affetta da organizzazione compulsiva. La sua vita è un incastro di impegni e passioni: tra scout, India, canto e, ovviamente, moda, si ritrova sempre a correre per Torino. “5 minuti e arrivo!”

Maatroom, la stanza dell’ordine, stile essenziale e semplice made in Turin.

Torino non è una città di cose alla moda o di firme urlate. Torino è Torino, con la sua anima elegante, misteriosa, dalle radici lontane,una città sabauda. Se seguite Torino Fashion Bloggers da tempo sapete che qua a Torino scorre però sotto sotto, un’ anima molto minimal e dark per quanto riguarda la moda, mi riferisco a quel gusto non urlato ma al tempo stesso pregiato, legato alla forma del capo e alla ricerca dei materiali. I colore predominanti sono spesso i grigi, i neri, i blu e il bianco. Grazie al nostro progetto di Torino fashion Bloggers, abbiamo avuto la possibilità di conoscere e parlare di molti stilisti torinesi: dalla femminilità originale di Walter Dang, alle forme innovative e alle stampe ispirate alla natura di Ombradifoglia,  il minimalismo di Minimal To, alla maglieria concettuale esportata in tutto il mondo di SerieNumerica, i gioielli di Cirio Maison, la moda selvatica di Pol.in, gli accessori di HanselGretel, fino ai nuovissimi designer emergenti. Qua a Torino infatti sta nascendo una nuova generazione di stilisti, un simbolo di rinascita e splendore che da alcuni anni ha coinvolto molti settori della nostra città compresa la moda e di cui siamo orgogliose di poterne fare parte.

maatroommaatroom

(altro…)

Chiara Girivetto

About Chiara Girivetto

Aspirante fashion designer e cool hunter, si definisce una persona creativa e curiosa. Alla costante ricerca di sè stessa e di una sua dimensione, ama perdersi tra immagini, fotografie e musica.

Torino Outlet Village a tutto shopping!

I torinesi hanno finalmente trovato il loro tempio dello shopping! Ha aperto da pochissimo, il 24 marzo, il nuovo Torino Outlet Village di Settimo Torinese, con i suoi 20.000 mq a cielo aperto, distante solo un quarto d’ora dal centro di Torino. Nascondete carta di credito, bancomat e portafogli ma non basterà a resistere.

Torino Outlet Village party inaugurazione store firme negozi shopping

Noi siamo state alla serata di inaugurazione per dare subito una sbirciatina al nuovo outlet del lusso. 90 negozi con le migliori firme sul mercato: Adidas, Armani, Coach, Dsquared2, Ferrari, Gucci, Jil Sander, La Perla, Michael Kors, Nike, Roberto Cavalli, Trussardi, per citarne alcuni. Una promenade composta di due gallerie, lunga 290 metri, che ospita store, punti di ristoro e servizi di ospitalità, tutti su un unico livello come da progetto dell’architetto italiano Claudio Silvestrin. Già da lontano, il tempio dello shopping si riconosce subito grazie al suo simbolo distintivo: un obelisco di 85 metri – ridefinito “la Punta” – che invia un segnale luminoso, come un faro che identifica e guida i visitatori alla scoperta di questo nuovissimo polo di attrazione.

(altro…)

About Elisa Raimondo

Architetta ossessionata dal perfezionismo e affetta da organizzazione compulsiva. La sua vita è un incastro di impegni e passioni: tra scout, India, canto e, ovviamente, moda, si ritrova sempre a correre per Torino. “5 minuti e arrivo!”