Lo sappiamo, siamo tutte nella stessa barca: un armadio straripante di vestiti e mai niente da mettere per “quell’occasione speciale”, bensì un’infinità di “questo lo metto quando dimagrisco”, qualche “questo tornerà di moda” e gli inevitabili “abiti col cartellino” che sono passati dalla busta del negozio all’armadio e continuano a fissarci da mesi. Noi TFB vi capiamo benissimo, e per questo oggi per la rubrica #TfbInterviste vi facciamo conoscere meglio SoCloset, il progetto di Giulia: una piattaforma per vendita e affitto dei vostri capi abbandonati con le commissioni più basse del web.

Ma non vi spoileriamo altro, buona lettura!

socloset schermata sito shop online

  1. Giulia, sei la CEO del neonato Social Commerce SoCloset. Raccontaci, com’è nata l’idea?

Ciao Gemma, innanzitutto grazie per l’intervista

SoCloset vede la luce durante un periodo difficile della mia vita, caratterizzato da una lunga malattia; nasce da un’idea semplice, ma è la chiave di svolta che mi ha aiutata a superare i momenti più difficili. Per la serie, non tutto il male vien per nuocere, assolutamente!

Sono una compratrice compulsiva e il progetto prende forma dalla mia necessità (e, mi sono resa conto, non solo mia) di rendere la mia cabina armadio più “abitabile” riducendo drasticamente il numero di accessori e abiti con la vendita, ma anche di sfruttare ciò che c’è nell’armadio da cui fatico a separarmi (ho sviluppato un amore simbiotico con alcune delle mie borse!!!) mettendolo in affitto e guadagnandoci.

Credo nell’idea di una moda democratica, sostenibile, ma comunque elegante e di tendenza, SoCloset è nata chiacchierando con i miei amici, che mi hanno supportata da subito nell’idea, hanno creduto in me, hanno impegnato tempo, competenze e idee. È stato un lavoro di gruppo del team più funzionante che c’è: quello degli amici che credono in te e nel tuo progetto!

socloset giulia zanon

  1. Sei sola alla guida del progetto o hai un team che ti aiuta nella gestione di questo spazio?

Siamo un magic team davvero! Oltre a me c’è Silvia, ora responsabile marketing e con me dal primo istante, poi la capacissima e paziente Elena alla comunicazione, Luca e Francesco che lavorano sulla parte web, Andrea e Bianca che si occupano delle foto, le nostre fantastiche Social Blogger Chiara Flavia (p.s. speriamo che la famiglia si allarghi, cerchiamo sempre nuove blogger con qualcosa di interessante  da dire), Daniele che secondo me è il regista migliore del mondo (lo spot è opera sua) e poi ovviamente le nostre modelle, i volti di SoCloset: Veronica, Lucia, Sara ed Elisa. Spero di non aver dimenticato nessuno e direi che ne approfitto per ringraziarli (come faccio tutti i giorni, meno male che ci sono loro!).

SoCloset team shop online

  1. Non solo vendite ma anche affitti: con SoCloset potete sentirvi Blair Waldorf per un giorno e sfoggiare una Chanel al braccio! Che costo deve sostenere chi decide affittare un pezzo del proprio armadio su SoCloset?

Nonostante i prezzi siano assolutamente liberi, ovvero chi mette in affitto può scegliere assolutamente in autonomia, noi consigliamo di stabilire il prezzo orientativamente pensando al 10%-12% del valore reale della borsa (il valore reale è quanto vale realmente la borsa in quel momento e non il prezzo di una borsa appena uscita da boutique). Questo significa che esistono borse per tutte le tasche e sono affittabili per tranche di tempo a scelta 10, 20 oppure 30 giorni.

socloset

  1. Quali sono i requisiti per poter vendere su SoCloset? Che tipologie di merce sono ammesse? Insomma, possiamo farlo anche noi?

Ma certamente! SoCloset è assolutamente democratico  Sono state pensate le sezioni abbigliamento, borse, accessori, scarpe, gioielli e makeup.

Direi che i requisiti sono voglia di divertirsi e occhio per le foto (abbiamo notato che le belle foto vendono di più e noi le premiamo inserendole in homepage o all’interno dei nostri canali social).

So Closet shop online

  1. Abbiamo notato che anche alcuni negozi torinesi si sono iscritti a SoCloset, proponendo interi total look per scongiurare il panico da “non ho niente da mettermi”. Come funziona per loro?

I negozi, così come i brand, hanno a disposizione tutte le funzionalità di un e-commerce senza dover sostenere i costi di realizzazione.

Siamo appassionate di brand, atelier e negozi. Non solo: sosteniamo inoltre i designer e i brand emergenti e crediamo nel talento. L’obiettivo è che il Social Commerce si popoli di queste realtà italiane di cui vale la pena parlare e che è importante sostenere.

So Closet Shop online

  1. SoCloset è un progetto pensato per l’universo femminile, ma che donna è la donna SoCloset?

Una donna sicuramente attenta alla moda, alle cose belle e di qualità, a chi crede nella bellezza di poter avere un enorme guardaroba virtuale e social (appunto Social Closet) dal quale attingere per poter essere sempre eleganti e al quale poter contribuire. Una donna dei giorni nostri insomma!

So Closet Shop online

  1. SoCloset è anche una vetrina per i nuovi designers e per ragazze che “abbiano qualcosa di interessante da dire sul mondo del fashion”. Dove vi possono contattare le nostre fashion girl?

Scriveteci tutto quello che vi passa per la testa ad hi@socloset.com: ci piacciono le idee, chi ci segnala miglioramenti, chi ci propone articoli, chi ci fa domande, chi vuole raccontarci qualcosa di sè, chi vuole un mano a pubblicizzare il suo talento. Noi vi rispondiamo

so Closet contatta

  1. Su quali social possiamo seguirvi per essere sempre aggiornate sulle novità di SoCloset?

Facebook e Instagram! Seguiteci

About Gemma Contini

Sarda di nascita ma torinese di adozione. Informatica amante del low cost. Portatrice sana di pazienza solo quando girovaga per negozi e mercatini. E’ fermamente convinta che il buongusto e il buonsenso possano salvare il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *