Sta facendo il giro del web, forse l’avete vista condivisa dai vostri amici su Facebook, è la lista dei 5 prodotti di bellezza da evitare. Le pubblicità ci raccontano favole da una vita: capelli splendenti, labbra da baciare, pelle da mordere ma..sarà davvero così?

I prodotti incriminati sono tutti accomunati da una caratteristica comune: contengono petrolati e siliconi.
Se non avete idea di quello di cui sto parlando, se vi vengono in mente solo tette rifatte, beh, vi consiglio un salto nel post di Eleonora: No per(d)INCI

In ogni post si fanno nomi di marchi, si punta il dito sulle multinazionali ma..possibile che nessuno suggerisca delle alternative? Pigre del web, sono io la vostra eroina di oggi! Proviamo a trovare dei prodotti più sani in sostituzione ai “malefici 5”.

siliconi, inci, labello, nivea

Sapete che esiste un unico prodotto che può sostituirne ben tre? Dite addio a Labello, creme Nivea e olio Johnson, e date il benvenuto al burro di karitè!  Ovviamente assicuratevi che non sia mischiato alle schifezze sopra citate. Risparmierete in salute e..in denaro! Un barattolo di Burro di Karitè Equilibra, da 100ml costa circa 7€ e potrà essere utilizzato per labbra, viso e corpo!

tumblr_lta3o9qHgH1qj3ls9o1_500[1]

Ah e non buttate le mini confezioni di crema Nivea, mi raccomando! Potrete riciclarle per travasarvi una piccola quantità di burro di karitè per portarli sempre con voi in borsetta.

Passiamo al problema shampoo. Se inizierete a prestare attenzione all’inci dei prodotti che utilizzate assiduamente per i capelli, potreste scoprire che la maggior parte di questi contengono siliconi e petrolati.hair, disney

Gli effetti di queste sostanze molto spesso non sono visibili: i capelli appaiono lucidi e sani ma in realtà cosa potrebbero nascondere? Irritazioni cutanee dovute al contatto con sostanze troppo aggressive, comparsa di forfora e crosticine. E’ vero che il risultato cambia da un individuo all’altro, reagiamo in maniera differente a determinati prodotti o potrebbero manifestarsi problemi con un prolungato uso del prodotto. Ma nel dubbio perché rischiare?

hair disney

Se deciderete di disintossicarvi da questi prodotti, fatelo gradualmente. Non c’è bisogno di svuotare dalla finestra il vostro mobiletto con le scorte di shampoo (io li acquisto quando sono in offerta e ne avrò ancora per un bel po’); iniziate a usarli meno sovente. Purtroppo il capello si abitua ai siliconi e potrebbe risentirne di un drastico passaggio agli shampoo bio. In ogni caso, qualunque shampoo utilizziate, sarebbe buona norma utilizzarlo a rotazione con altri 2 o 3.

Sappiate che comunque esistono delle vie di mezzo, alcuni degli shampoo dei marchi più conosciuti e facilmente reperibili al supermercato, non contengono siliconi.

Un esempio sono quelli della linea Ultra Dolce della Garnier: sono indicati per la “disintossicazione” da siliconi ma contenendo tensioattivi, lavano a fondo il capello.
– con olio di avocado e burro di karité
– con burro di cacao e olio di cocco
– all’henné e aceto di mora
– al latte di mandorla
– al pompelmo e thé verde
– alla camomilla e miele
– all’argilla dolce e anice
– al latte di vaniglia
– al latte vegetale idratante
– 2in1 agli estratti di albicocca (per bambini)

Per l’olio ai semi di lino non sono riuscita a trovare un’alternativa economica e con un inci verde da suggerirvi. Per essere sicure di acquistare realmente olio di semi di lino e non cristalli liquidi che hanno un’alta percentuale di siliconi, petrolati etc. leggete bene l’inci. Deve esserci scritto Linum Usitatissimum Oil 

In assenza d’altro, accontentatevi di

BALSAMO ULTRA DOLCE GARNIER:
– con olio di avocado e burro di karité
– con burro di cacao e olio di cocco
– con mango e fiori di tiaré
– alla mandorla dolce e fiori di loto

Splend’or al Cocco.

disney faboulous

Buona lotta ai siliconi e..sarà certamente una favola a lieto fine!

About Gemma Contini

Sarda di nascita ma torinese di adozione. Informatica amante del low cost. Portatrice sana di pazienza solo quando girovaga per negozi e mercatini. E’ fermamente convinta che il buongusto e il buonsenso possano salvare il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *