Di nobilitade emporio, chiuso alla plebe vile, risplende il caffè Fiorio

che in sua grandezza umile, solo ornamenti apprezza del tempo di Noè:

evviva la bellezza del nobile Caffè.

Caffè Fiorio Torino

Il Fiorio non è solo un caffè, non è nemmeno una semplice gelateria. Il Fiorio è un simbolo, uno dei locali più antichi e celebri di Torino.. il fiore all’occhiello della città da oltre due secoli!

Il caffè dei codini, come veniva soprannominato per la sua clientela aristocratica, aprì i battenti nel lontano 1780 e divenne ben presto un punto di riferimento della vita sociale cittadina. “Che cosa si dice al Fiorio?”, ecco cosa chiedevano i regnanti, Carlo Felice e Carlo Alberto, per capire quale fosse l’umore dell’opinione pubblica nei confronti della politica nazionale. Erano gli anni in cui a Torino c’era tutta l’Italia che faceva l’Italia!

Caffè Fiorio Torino

Caffè Fiorio Torino

Caffè Fiorio Torino

Gli avventori del Fiorio erano uomini illustri: altolocati del governo, dell’aristocrazia, dell’ufficialità, della ricca borghesia. Camillo Benso di Cavour con il suo circolo del Whist e degli scacchi, Massimo D’Azeglio quando non sedeva al Nazionale, Friedrich Nietzsche che centellinava la sua crema di gianduja.

Tutti passarono per le numerose sale del locale, che si susseguono una dietro l’altra, ognuna con il suo fascino e la sua storia da raccontare. Un tempo illuminate da poche candele e munite di specchi per raddoppiarne l’illuminazione e le dimensioni, in seguito, ridecorate da pittori e artigiani famosi, come Gonin e Bogliani, e, infine, vestite di linoleum e similpelle in perfetto stile anni Cinquanta. Oggi, invece, si respira un’atmosfera rilassata e un po’ retrò, con nuovi velluti rossi e splendidi tappeti, alla ricerca di un equilibrio che fonda passato e presente.

Caffè Fiorio Torino

Caffè Fiorio Torino

Caffè Fiorio Torino

Caffè Fiorio Torino

Caffè Fiorio Torino

Caffè Fiorio Torino

Caffè Fiorio Torino

Oggi, nelle sue sale, non si fa più l’Italia ma pulsa la vita cittadina con il suo ritmo talvolta frenetico talvolta lento e pacato. Si può entrare per una colazione veloce prima di correre al lavoro, per sedersi e respirare un po’ di storia, per conversare davanti a un ricco buffet all’ora di pranzo, per gustare un ottimo gelato durante le passeggiate pomeridiane, per bere un thè o un bicerin, per fare aperitivo o cena, per trascorrere una serata in compagnia e ascoltare le melodie della sala della musica al piano superiore!

Il Caffè Fiorio è uno di quei locali in cui bisogna entrare almeno una volta, anche solo per curiosità. E’ uno di quei caffè dove, anche se risulta deserto, non si avverte mai la solitudine.. ai tavoli stanno seduti i fantasmi degli ospiti del passato. Ci si sente parte della Storia, quella con la S maiuscola.

Caffè Fiorio Torino

Caffè Fiorio Torino

Caffè Fiorio Torino

Caffè Fiorio Torino

Per le foto si ringrazia Chiara Girivetto di The Fashion Suburbs. Per l’ospitalità e le notizie storiche si ringrazia il Caffè Gelateria Fiorio e il prezioso libro: Riccardo Di Vincenzo, Il Fiorio, caffè gelateria. L’isola felice di Torino, Lem – Landriano, Pavia 2011.

————————————————————————-

Caffè Gelateria Fiorio

Via Po, 8

Torino

011 8173225 – 011 8170612

info@fioriocaffegelateria.com

About Elisa Raimondo

Architetta ossessionata dal perfezionismo e affetta da organizzazione compulsiva. La sua vita è un incastro di impegni e passioni: tra scout, India, canto e, ovviamente, moda, si ritrova sempre a correre per Torino. “5 minuti e arrivo!”

1Pingbacks & Trackbacks on Caffè Gelateria Fiorio.. dove si è fatta l’Italia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *