Io ho bisogno di poche cose: il mio pc, le mie cuffione della musica e una grande tranquillità interiore. Se non ho questi elementi non scrivo neanche, vado a fare shopping”

Emily

 

Questo post non vuole insegnare a scrivere, ma se scorrete fino al fondo di questo post imparerete due cose importanti. Come scrivono le Torino Fashion Bloggers e le regole fondamentali per poter scrivere un “bel” racconto.

In un periodo in cui la libertà d’espressione è venuta meno in modo davvero massacrante, questo post ha il valore di una boccata d’aria. Quella che noi proviamo quando scriviamo sul nostro magazine.

Anche se non è mai facile provare a stupirvi ogni volta, poter scrivere è come avere una seconda possibilità, di dire quello che non riusciamo ad esprimere durante la giornata.

tfb, tfbloveposting, torinofashionbloggersScrivere un post, soprattutto in una sezione “Novel” non è così facile: cosa interessa davvero alla gente, come mi esprimo, come uso i sentimenti? Tante persone hanno paura di esprimersi, figuriamoci poi su di una pagina che viene letta da tutti quanti. E’ un denudarsi, un rendersi meno forti perché letti nell’anima.

Quando si decide di aprire un blog decidi non solo il tema di cui parlare, ma anche il modo di farlo. Che si parli di moda, di viaggi, di cibo o di vita quotidiana, lo stile è quello che conta. Arrivare alle persone non è facile, esprimere il proprio “io” da dare in pasto a “tutti” non ce l’ha insegnato nessuno. La nostra filosofia è quella di strappare un sorriso alle lettrici, incuriosire quelle che ci hanno sempre snobbato, convincere o far discutere quelle che invece non ci sopportano. Noi siamo qui a scrivere con il nostro pigiama preferito, con la pinza gialla anni 80 tra i capelli, fuori in giardino o rinchiuse in camera con una tazzona di caffè in mano alle 2 di notte perché non ci viene l’ispirazione.

Molti post nascono spontanei, molto spesso non sappiamo cosa la “blogger” di turno delle Tfb scriverà, altre volte invece il dibattito è acceso. Indagini su quel che succede a Torino, domande sul gruppo di Wa, scambio di mail lunghissime, immagini, pensieri ed opinioni. La perfezione è irraggiungibile, ma ogni volta vogliamo dare il meglio: così ci si impone determinate regole (uhhh, se non le rispettiamo ci si sgrida a vicenda!), things to say e not to say, cose da non copiare e così via. Non è tutto buttato all’aria, senza una linea comune. Ce lo siamo dette sin dall’inizio: se scriviamo di noi, dobbiamo farlo bene. E sempre che ogni volta lo si faccia sempre meglio.

tfb, tfbloveposting, torinofashionbloggers

Ma sappiamo davvero scrivere? E’ verò nessuno ti insegna a scrivere su di un blog, ma alla base bisognerebbe comprendere da dove partire, come portare il lettore al raggiungimento di una sensazione di sollievo, di allegria, di empatia o di melanconia rispetto a quello che stiamo comunicando.

Così ci siamo date da fare e abbiamo cercato un corso per scrittura: ci pensa il workshop di La Corte Editore, il 24 e 25 gennaio ad insegnare le buone regole per un buon racconto. Venti ore in due interessanti lezioni, alla fine delle quali viene rilasciato un attestato di partecipazione ed un bagaglio di regole importanti per aprire il proprio cuore alla tastiera (o alla penna, se siete old style).

Per tutte le informazioni sul workshop indetto da La Corte Editore scrivi a info@lacorteditore.it oppure chiama il numero 349-5633730.

tfb, tfbloveposting, torinofashionbloggers, la corte editore, workshop scrittura

Noi vi iniziamo a dare la prima regola: non abbiate paura di scrivere, ci si sente meno forti perché guardati all’interno della propria anima, ma renderete meno soli le persone che vi stanno leggendo!

 

About Emily Grosso

Emily lavora in una società finanziaria, ma passa le pause pranzo in giro per negozi. ll suo armadio segreto scoppia di borse, collane, creatività, voglia di scrivere e di urlare felicità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *