I profumi, come gli abiti, devono essere indossati seguendo i nostri gusti, il nostro modo di essere e ci devono permettere di comunicare chi siamo. Avete deciso che è ora di cambiare? Seguire la moda e le tendenze è sicuramente interessante ma diffidate da comprare una fragranza solo perché è marchiata dal vostro brand preferito, perché è l’ultima uscita e tutti la vogliono o perché l’avete sentita su qualcuno.

La prima cosa da fare è capire cosa ci piace. Se per tanti anni avete indossato un profumo cercate di capire quali componenti lo contraddistinguono. Così anche se ne avete sentito uno mai provato. In rete è facile trovare la piramide olfattiva di moltissimi profumi. La vera formula nessuno mai la svelerà, all’interno dei bouquets ci sono una miriade di componenti. Basterà però conoscere le note principali e poi cercare una buona profumeria dove spiegare quali sono i nostri gusti. (Se chi vi assiste all’acquisto non è propenso a farvi provare o vi rendete conto che non sa distinguere un fiorito da un fruttato, cambiate profumeria!)

Spiegare che profumo si vorrebbe

Chiarito cosa vi piace provate a sentire il/i profumo/i su mouillettes (striscioline di carta. Strumento fondamentale da usare per avere un giudizio obiettivo sul bouquet scelto) e, solo successivamente, sulla vostra pelle; non ci sarà da stupirsi se dopo averlo “testato” non vi piacerà più.

Profumo su mouillette

La mouillette, fatta di carta assorbente, non altera le molecole; va annusata lentamente passandola sotto il naso. Vicina perché si possano sentire tutte le note ma abbastanza lontano per far volatilizzare nell’aria le molecole odorose e da non toccare la pelle (le prove successive verrebbero alterate dalle molecole della prima scelta ormai ancorate alla pelle).

Mouillettes per profumi

Dopo aver scelto massimo tre fragranze (di più faticherete a farvi un’idea obiettiva perché non riuscirete più a distinguere i vari bouquets) procedete a sentire i profumi selezionati. È di tendenza nei negozi, odorare chicchi di caffè tra una prova e l’altra. Personalmente non uso questa tecnica, il caffè ha una nota davvero forte e invasiva, sicuramente toglie i sentori del primo bouquet ma per me altera i successivi. Se proprio volete fare un lavoro sopraffino testatene uno/due al giorno o prendere una boccata d’aria “pulita” tra un test e l’altro! Un’altra possibilità è conservare le mouillettes una in tasca, l’altra nel portafogli e dimenticarsene per un po’. Quando risentirete i profumi, dopo qualche ora, vedrete che sarete in grado di avere un’opinione più discriminante.

Quindi..

Una volta eletto il profumo che vi soddisfa su mouillette dovrete provarlo sulla vostra pelle. Ognuno di noi ha pH, seboregolazione e sudorazione della pelle diversa, questo può interagire con la composizione variandola.

Test profumo sulla pelle

Indossatelo per una giornata intera per poter vivere tutto il ciclo vitale del profumo. Note di testa, percepibili dopo pochi minuti; note di cuore che compaiono successivamente, anche dopo ore; note di fondo che sono le più persistenti e rimangono ancorate alla nostra pelle per tutta la giornata. Se la composizione ha passato tutti questi step e in ognuno di questi ha incontrato il vostro gusto è quella che fa per voi. Nonostante tutto questo iter non siete ancora convinte? Ecco la prova del 9: indossatelo prima di andare a dormire, come ci ha insegnato Marilyn. Due gocce sui polsi e altrettante sul collo. Se durante la notte la fragranza non vi infastidirà e, anzi, vi farà sentire bene e dormire più serenamente avrete fatto centro. Quello è il vostro nuovo profumo.

Ci si può innamorare di un profumo e tenerlo con noi come compagno fedele per tutta la vita ma, ovviamente, si può anche avere più di una preferenza e abbinare il nostro profumo al nostro stato d’animo, a quello che vorreste provare o a ciò che volete comunicare.

A Torino, in via Lagrange 4/A c’è Jo Malone. Lì potete provarli anche tutti i profumi (ma non siate ingorde, 2/3 alla volta), le signore che vi assistono nella scelta sono competenti e pazienti e per agevolarvi nella decisione vi possono omaggiare di un meraviglioso “massaggio mani e braccia” con la vostra fragranza favorita in modo tale da poterla indossare e capire se è davvero quella giusta per voi.

Tasting bar Jo Malone

 

Per le foto si ringrazia Chiara Girivetto di The Fashion Suburbs.

About Eleonora Gavino

Chimica con la passione sfrenata per la profumeria e una predisposizione nefasta all’incontro di uomini da cestinare. Campionessa olimpica di polemica. Lei è bionda: qual è la vostra scusa?

2 Comments on I segreti per scegliere il profumo perfetto

1Pingbacks & Trackbacks on I segreti per scegliere il profumo perfetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *