Quando moda e architettura si incontrano nasce un connubio senza pari.  Quando il contenitore uguaglia il contenuto in bellezza, eleganza e unicità si può parlare di Arte, con la A maiuscola.

IUDe sfilata hotel principi di piemonte torino

Bellezza. Ecco l’unica parola che mi viene in mente per descrivere il fashion show organizzato da IUDe sabato 12 aprile nella suggestiva location dell’Hotel Principi di Piemonte a Torino. Molti sostengono che la bellezza sia sopravvalutata o utilizzata solo per descrivere cose effimere e di una superficialità quasi banale. Io mi ritengo una nostalgica: per me bellezza è stupore; per me bellezza è fascino senza tempo, eleganza e passione; per me bellezza è Arte.

Con questa sfilata IUDe – Independent Upcoming Designers – ha quindi presentato al pubblico torinese i nuovi designers facenti parte del progetto. Avevamo già curiosato nel loro atelier di Via Melchiorre Gioia 10/B, da poco riaperto, ma osservare ogni creazione indossata non ha paragoni.

Agata della Torre gioca sull’antitesi e sulla decomposizione degli elementi, non per distruggerne la struttura fondante quanto per dare loro nuove composizioni. Gonne e abiti sotto il ginocchio che vestono con leggerezza senza impacchettare le forme, rigorosamente black and white.

Claudia Ligari, stilista italiana residente a Londra, punta sulla sperimentazione con i suoi tagli geometrici e attraverso l’utilizzo di materiali molto diversi mixati insieme per dare l’immagine di una donna dalla forte individualità caratterizzata da un’aurea di purezza e di eleganza minimal chic. Colore della linea il blu notte.

Bona Kim, coreana di Seul trasferita a Londra per gli studi, si concentra su un’estetica avanguardista. Nei suoi abiti si rispecchia il gusto contemporaneo ma attento ai trend concorrenti. Gonne a vita alta, crop tops, shorts modello coulotte, trasparenze e righe colorate.

IUDe sfilata hotel principi di piemonte torino

IUDe sfilata hotel principi di piemonte torino

IUDe sfilata hotel principi di piemonte torino

IUDe sfilata hotel principi di piemonte torino

Agata di Masternak, non solo stilista ma anche illustratrice e pittrice. La collezione nasce dai suoi dipinti e ogni capo porta con sé le tracce della persona che vi è ritratta. Una linea molto colorata e dal pensiero audace, tanti visi che osservano e si lasciano osservare creando una sorta di comunicazione non verbale.

Design Digest, collettivo di artisti e designers con un background di studi che spazia dall’architettura al design. La collezione vede l’utilizzo dell’acciaio per creare accessori dalle linee forti e decise come a ricordare spazi solidi chiusi, custodi di pensiero, cultura e materia.

IUDe sfilata hotel principi di piemonte torino

IUDe sfilata hotel principi di piemonte torino

IUDe sfilata hotel principi di piemonte torino

Infine il contenitore che ha ospitato questa sfilata d’avanguardia: il Salone delle Feste dell’Hotel Principi di Piemonte, che sorge su una via laterale di Via Roma, Via Gobetti, a metà strada tra Piazza Carlo Felice e Piazza San Carlo. Il massiccio parallelepipedo di 11 piani d’altezza venne fatto costruire negli anni Trenta del Novecento dalla famiglia Agnelli in onore dei principi di Piemonte, Umberto II di Savoia e la moglie Maria Josè de Saxe Coburgo Gotha, diventando uno tra gli edifici più elevati della città. Nel dopoguerra l’edificio diventò un albergo con il nome di Principi di Piemonte ma sul finire degli anni ’90 venne chiuso per essere ristrutturato in maniera radicale e riaprire per le Olimpiadi Invernali del febbraio 2006.

Il nuovissimo albergo di lusso ha comunque mantenuto intatto lo stile classico del piano terra e del piano nobile, dove si trova la vera perla dell’hotel: il Salone delle Feste, location della sfilata IUDe e meraviglia dell’Art Déco degli anni Trenta. Con un soffitto alto 6 metri, il parquet originale, le pareti ricoperte dei mosaici dell’epoca e i 12 immensi lampadari Art Déco che pendono dal soffitto: il Salone delle Feste ti ammalia lasciandoti completamente a bocca aperta. Entrando nell’immensa sala non si può evitare di notare la preziosità  e la raffinatezza dell’ambiente: noi #torinofashionbloggers ci aggiravamo tra i marmi, i mosaici dorati e i particolari artistici di Venini in vetro di Murano.

Quando si parla di Arte e la bellezza circonda ogni cosa, allora sì mi sento davvero felice.

IUDe sfilata hotel principi di piemonte torino salone delle feste

IUDe sfilata hotel principi di piemonte torino

torinofashionbloggers salone delle feste principi di piemonte torino

torinofashionbloggers salone delle feste principi di piemonte torino

CREDITS: Chiara Girivetto di The Fashion Suburbs.

About Elisa Raimondo

Architetta ossessionata dal perfezionismo e affetta da organizzazione compulsiva. La sua vita è un incastro di impegni e passioni: tra scout, India, canto e, ovviamente, moda, si ritrova sempre a correre per Torino. “5 minuti e arrivo!”

2 Comments on La sfilata IUDe @ Hotel Principi di Piemonte

  1. Premesso che apprezzo lo sforzo delle stiliste di iude e che alcune sono molto brave, va detto che: La sfilata e’ stata organizzata molto male. Code lunghissime per poter accedere e per potersi sedere. Poi ho trovato che il pubblico fosse….tremendo. Pieno di tamarri orrendi. Ma la donna -cotechino con gonna oro in lattice l’avete vista?

    • Ciao Francesca, grazie per il tuo feedback e scusami per la tarda risposta ma, a volte, con il lavoro e le altre mille cose da fare non trovo nemmeno il tempo per respirare! IUDe è un progetto nato nel 2011 che quest’anno si è completamente rinnovato, sia come stilisti sia come direzione, quindi questa è stata la loro prima nuova sfilata e, come ogni prima volta, ci sono state alcune difficoltà tecniche anche dettate dalla scelta della location (molto bella ma poco accessibile in breve tempo)! Personalmente, all’inizio ho sbuffato un pochino per le code ma, dopo aver visto le creazioni delle stiliste – davvero molto brave – non ho potuto fare a meno di applaudire e di scrivere questo post! Per quanto riguarda la donna cotechino me la sono persa.. mi sarei fatta volentieri due risate! Magari la prossima volta che ci vedi a un evento possiamo conoscerci così ci confrontiamo insieme e ridiamo dei tamarri orrendi!!! 🙂
      Un abbraccio, Elisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *