La donna simbolo di Torino.

Noi l’abbiamo conosciuta, ebbene sì, abbiamo avuto questo grande onore. In una domenica fredda ma soleggiata e tersa siamo andate a visitare la sua dimora, Palazzo Madama.

Panorama Torino Palazzo Madama

Eravamo preparate all’eleganza e all’opulenza degli arredi e delle opere che vengono conservate all’interno della casa dell’ultima donna regnante, ma quello che non ci aspettavamo è la presenza che aleggia nelle sale del palazzo. Accompagnate da una sapiente guida, dopo aver appreso la storia e il corso degli eventi che l’hanno portato a Torino, sembra quasi di conoscerla Maria Giovanna Battista di Savoia-Nemours.

Maria Giovanna Battista Madama Torino

Una donna di carattere, forte, non troppo legata al rigore che imponeva la vita reale, piuttosto incentrata sui suoi obiettivi. Proseguendo la visita, camminando per le sale e ammirando i dipinti che la ritraggono si ha la sensazione di averla accanto. Sensazione? Ma quale sensazione, la si ha accanto. Ecco materializzarsi la presenza di sua Maestà! Anche se, a seconda di come viene illuminata dalla luce, sembra un’apparizione eterea, eccola lì, in carne e ossa.

Vita da Regina visita Palazzo Madama

Avvolta in un corpetto toglifiato e un ampia gonna entrambi confezionati con tessuti pregiati, ornati con merletto point de Venise ed ermellino bianco, senza dimenticare i gioielli unici composti diamanti neri e perle a pera (successivamente scopriremo che tonde sono troppo banali), la madama si palesa davanti ai nostri occhi. Dapprima formale, accompagna il benvenuto a convenevoli e ritualità; in poco tempo però, da ottima padrona di casa, spodestando la guida con un fare da donna di polso al quale ci avevano preparato, lei stessa conduce la visita dando spiegazione (e interpretazione personale, c’è da ammetterlo) ad opere e migliorie che lei stessa commissionò al maestro Juvarra. “Mica avrebbe potuto trasformare le vecchie stanze del castello in questa meraviglia senza il mio gusto e i miei suggerimenti!” afferma con modestia regale.

Vita da regina visita Palazzo Madama Torino

Che avesse una particolare attenzione a lasciare il segno è senza ombra di dubbio quello che rimane nitido nella mente, ma come biasimarla, prese il posto della suocera Maria Cristina di Borbone, conosciamo tutti la competitività che si instaura tra suocera e nuora, il suo regno doveva essere il più significativo! Così si spiega quindi l’esigenza di arricchire ogni sala con marchi e simboli che rappresentino la Regina regnante; le sue tre iniziali concatenate insieme all’aquila dalle ali spiegate, simbolo di famiglia capeggiano sulle porte di ogni stanza.

…vorrei potervi raccontare di più ma che gusto ci sarebbe poi ad andare domenica a provare la visita “Vita da Regina” a Palazzo Madama? Un progetto in collaborazione con l’Università degli Studi di Torino e l’Associazione Culturale Barbari Invasori per inserire tra i percorsi guidati la visita teatrale, già usata in molti paesi europei. Un’ottima occasione per arricchire la propria cultura in modo non convenzionale e assolutamente coinvolgente. A noi è piaciuto molto, aspettiamo i vostri pareri.

Avete fino al 29/3 per provare quest’esperienza!

 

Tutte le domeniche ore 11 e ore 15 fino a domenica 29 marzo 2015.

Info e prenotazione: tel. 011.5211788 (servizio attivo dal lunedì alla domenica ore 9-18)

e-mail prenotazioniftm@arteintorino.com

Nel costo del biglietto oltre la visita teatrale è compresso l’accesso a tutto il palazzo e alla meravigliosa terrazza.

About Eleonora Gavino

Chimica con la passione sfrenata per la profumeria e una predisposizione nefasta all’incontro di uomini da cestinare. Campionessa olimpica di polemica. Lei è bionda: qual è la vostra scusa?

1 Comment on L’ultima madama torinese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *