“Ho imparato ad essere paziente. Se aspetti abbastanza, le persone dimenticano la macchina fotografica e la loro anima comincia a librarsi verso di te.”

il mondo di steve mccurry, mostra venaria reale

Se in passato, prima di fare parte delle Torino Fashion Bloggers, mi avessero detto che avrei avuto la possibilità di conoscere il maestro della fotografia  Steve McCurry, non ci avrei mai creduto…Invece è successo grazie a Torino Fashion Bloggers e a Ombretta di Civita,che ci ha invitato all’anteprima e alla conferenza stampa della mostra  “Il mondo di Steve McCurry“.  Il fotografo stesso in  persona, ci ha accompagnato, con la sua pazienza e dolcezza che lo contraddistingue, in questo splendido viaggio, raccontandoci la sua esperienza in prima persona e i segreti dietro i suoi scatti.

Un percorso espositivo di uno dei maestri della fotografia contemporanea, il diario di uno dei repoter più importanti al mondo. Steve McCurry inizia la sua carriera giovanissimo, dopo molti anni come freelance , negli anni 70 compie un viaggio in India. Con solo uno zaino in spalla e qualche abito e null’altro se non la sua fedele macchina fotografica e i rullini, inizia a scattare in giro per il continente esplorando il paese, da qui poi si sposterà in Pakistan nascondendosi in mezzo ai rifugiati dell’Afghanistan e riuscendo a fotografare un popolo che all’epoca era recluso a tutti gli altri giornalisti occidentali per via dell’invasione russa. Dopo quegli scatti Steve Mccurry è diventato nel corso degli anni una delle voci più importanti della fotografia contemporanea, lavorando come reporter per tantissime riviste più prestigiose come il Time, il Life, il National Geographics, è membro della agenzia Magnum dal 1985 ed è stato più volte premiato con il World press Photo Award, una sorta di premo nobel per la fotografia.


il mondo di steve mccurry, mostra venaria realeil mondo di steve mccurry, mostra venaria realeil mondo di steve mccurry, mostra venaria realeil mondo di steve mccurry, mostra venaria reale

Una mostra magnificente ed imponente quella allestita alla Citroniera delle Scuderie Juvarriane della Reggia di Venaria visitabile fino ale 25 settembre, magnificente proprio per le dimensioni, Il mondo di Steve McCurry è infatti la più ampia e completa tra le mostra che Civita e Suddest57 abbia mai realizzato dal 2009 ad oggi.In mostra sono esposte 275 opere stampate su enormi cartelloni, un giro del mondo che comprende le opere più famose come la “bambina Afghana”, scattate nel corso della sua carriera, ma anche i suoi lavori più recenti come la documentazione dell’attentato alle Torri Gemelle.

Un percorso tematico diviso per zone e realizzato attraverso contrasti, non solo una mostra ma ben sì  4 mostre interne. Il percorso della visita si apre con una sezione inedita di foto in bianco e nero scattate tra il 1979 e il 1980 nel suo primo reportage in Afghanistan, dove Steve all’età di soli 20 anni vestito come uno del popolo, fotografa i mujaiheddin che combattevano contro l’invasione sovietica. Gli scatti, cioè i rullini, erano stati cuciti all’interno delle fodere degli abiti per poter passare alla dogana e arrivare ai giorni nostri e all’occidente.Le macchine fotografiche venivano sequestrate e i rullini bruciati. Oltre a questo inizio inedito, uno spazio è dedicato anche allo sponsor della mostra, Lavazza, attraverso 40 scatti, racchiusi nel progetto Tierra!. McCurry mostra l’Africa, l’America Latina e l’Asia riflettendo sul lavoro e sulla vita quotidiana dei produttori di caffè, intorno a cui ruota tutto il progetto Lavazza.

il mondo di steve mccurry, mostra venaria realeil mondo di steve mccurry, mostra venaria realeil mondo di steve mccurry, mostra venaria realeil mondo di steve mccurry, mostra venaria reale

Il percorso continua attraverso scambi di sguardi, sorrisi di bambini, donne di vari paesi sperduti e coloratissimi paesaggi: dall’india ,alla Arabia Saudita, all’Europa dell’Est ,fino al Pakistan e a quei campi di rifugiati di Peshwar dove McCurry incontra la ragazzina di 12 anni dagli occhi verdi, uno scatto che è diventato un’icona assoluta della fotografia mondiale ma anche  un simbolo della speranza di pace. Il suo ritratto è esposto insieme ad altri due scatti, uno dei quali realizzato da McCurry alla stesa ragazza diventa donna a distanza di oltre 17 anni dopo averla ritrovata.Dall’Afganistan ,all’Indie al sudest asiatico, all’Africa ,a Cuba, agli Stati Uniti, dal Brasile all’Italia attraverso il suo vasto ed affascinante repertorio di immagini .Un viaggio attorno al mondo attraverso questi potetissimi scatti, che a volte ti strappano un sorriso e ti riempiono il cuore ma che a volte sanno essere tragici e terribili, come quelli della guerra, quelli che documentano la violenza e le atrocità dei bambini soldato, l’attentato alle Torri Gemelle, la guerra del Golfo o la pessima condizione delle  donne completamente ricoperte dal burqa.

il mondo di steve mccurry, mostra venaria reale

il mondo di steve mccurry, mostra venaria reale

il mondo di steve mccurry, mostra venaria reale il mondo di steve mccurry, mostra venaria reale il mondo di steve mccurry, mostra venaria reale il mondo di steve mccurry, mostra venaria reale

Oltre a presentare una ampia e aggiornata selezione della produzione fotografica, la rassegna allestita alla Venaria Reale intende infatti raccontare l’avventura della sua vita e della sua professione.I suoi lavori raccontano di conflitti, di culture che stanno scomparendo  e di tradizioni antiche, esse parlano di noi   di ciò che ci circonda,mantenendo sempre al centro l’elemento umano.

Questo vasto progetto espositivo è curato da Biba Giaccheti che insieme a Steve McCurry ha selezionato le fotografie stampandole in un grande formato per renderle molto impattanti e potenti. L’allestimento è stato realizzato da Peter Bottazzi ed è uno allestimento tra i più interessanti che abbia mai visto, le fotografie infatti sono appese su enormi teli bianchi di stoffa traslucida per l’esattezza 3500 mq di stoffa e 300 spot luci illuminano le opere. Una mostra senza andata e ritorno,  visitabile sia dall’ ingresso principale in cui compaiono i primi albori di Mc Curry ma anche dal fondo verso l’inizio. Una mostra che ti fa viaggiare e che consente di perderti negli occhi delle persone e dei ritratti dei bambini, una mostra che ti fa confrontare con persone e con gli sguardi a volte poetici, a volte violenti.

Questa non è solo la mostra ma la vita di Steve  McCurry, dedicata alle immagini, ai viaggi e alla curiosità. Un diario della sua vita, della gente e dei luoghi del suo passato.

il mondo di steve mccurry, mostra venaria reale

il mondo di steve mccurry, mostra venaria reale



La mostra prosegue fino al 25 settembre alla Citroniera delle Scuderie Juvarriane ed è stata organizzata dal Consorzio La Venaria Reale a da Civita Mostre, in collaborazione con Sudest57 e Lavazza.

Per informazioni consultate www.mostrastevemccurry.it

Fotografie di Chiara Girivetto

Chiara Girivetto

About Chiara Girivetto

Aspirante fashion designer e cool hunter, si definisce una persona creativa e curiosa. Alla costante ricerca di sè stessa e di una sua dimensione, ama perdersi tra immagini, fotografie e musica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *