Une femme sans parfum est une femme sans avenir.

Coco Chanel

“Una donna senza profumo è una donna senza futuro.”

Così si pronunciò l’icona, maestra di stile, eleganza e innovazione.

Non a caso fu proprio il suo profumo “Chanel N°5” a dare una svolta al mondo della profumeria.

Chanel n°5 perfume

Era solo il 1921 e, con l’aggiunta di aldeidi e altre sostanze sintetiche alle note naturali, Ernest Beaux diede vita a una fragranza nuova e tutt’ora vincente. Un bouquet all’avanguardia che rappresenta pienamente, ancora oggi, ciò che era e ciò che desiderava esprimere Madame Coco: una composizione elaborata, l’essenza della massima femminilità.

Consapevole del potere dell’olfatto la Maison Chanel puntò a una formulazione diversa da quelle conosciute all’epoca per stupire ed essere ricordata.

Nulla come questo senso stimola i sentimenti e la memoria.

Non è solo romanticheria e teoria proustiana ma vera e propria scienza. La sensazione olfattiva viene infatti trasmessa anche alla parte emozionale del cervello che permette la correlazione di una fragranza a un’emozione o a un ricordo, anche lontani. 

Il profumo è un mezzo di comunicazione forte ed essenziale, un’arma invisibile capace di colpire e stupire, lo specchio della nostra personalità.

Perfumes of dream, wish, love

Il profumo “10100 di Patrizia Lazzaretto nasce basandosi su questo concetto. Il “naso” ha voluto omaggiare la sua (e nostra) città, Torino, di tre fragranze per far sì che viaggino nel mondo con chiunque indossi le sue creazioni rievocando persone e luoghi. 

Profumo 10100

Di certo se si volesse rappresentare Torino con una fragranza evocativa non mancherebbe l’incenso per raccontare la sua personalità mistica e magica, le note legnose rappresentative dei luoghi storici, qualche nota metallica frutto della città industriale che fu’, il cioccolato e il caffè del Bicerin, l’odore di pioggia, dei tigli sul lungo Po in primavera, dell’erba bagnata…

Difficile racchiudere Torino in un flacone. Questa città va vissuta e respirata aggiungendo note alla composizione ogni giorno.

About Eleonora Gavino

Chimica con la passione sfrenata per la profumeria e una predisposizione nefasta all’incontro di uomini da cestinare. Campionessa olimpica di polemica. Lei è bionda: qual è la vostra scusa?

1Pingbacks & Trackbacks on Profumo di memoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *